The Place: cosa sei disposto a fare per un desiderio?

the-place-filmNon importa a quale ora del giorno e della notte, lo troverete sempre lì, all’angolo di un ristorante, allo stesso tavolo, con un quaderno in mano. Qualche volta ci scrive delle cose, qualche altra le legge. Non sappiamo niente di lui, chi lo viene a cercare sa soltanto che è capace di esaudire desideri.Il nutrito cast del film include Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Alba Rohrwacher, Vittoria Puccini, Rocco Papaleo, Silvio Muccino, Vinicio Marchioni e Sabrina Ferilli.
theplace_mastandrea
Il film di Genovese è interamente ambientato sul fondo di un bar sempre aperto dove Valerio Mastandrea riceve postulanti: ciascuno gli confida il proprio desiderio più disperato e lui gli assegna un compito più o meno arduo per ottenere di realizzarlo. Chi accetta di compiere un’azione malvagia può finire a far del bene, mentre chi riceve in compito una buona azione rischia di finire comunque a fare del male. E’ impossibile non porsi l’annosa domanda: io cosa arriverei a fare per risolvere una situazione che mi sta a cuore? È questo il nocciolo del racconto di Genovese: esistono limiti inamovibili che regolano il comportamento di ciascuno, o l’asticella dell’etica si sposta a seconda della situazione che si vive?
theplace
Rispetto a Perfetti sconosciuti Genovese cambia registro scegliendo quello drammatico, ma tra i due film esiste un filo rosso: «Entrambi indagano la parte più oscura degli esseri umani e si interrogano su quanto poco conosciamo di noi stessi», afferma il regista. Era un tavolo affollato quello di Perfetti sconosciuti: ci si poteva alzare, ogni tanto c’era una fuga in un’altra stanza, un’assenza. La possibilità di un movimento di macchina, seppur limitato. Qui, no. Qui c’è un tavolo da due, un protagonista silenzioso e dolente, un Valerio Mastandrea che dà a un viso quasi immobile tante sfaccettature imprevedibili, e il suo antagonista di turno.
The-Place-2017-di-P.Genovese
Parlando di ‘The Place’, Paolo Genovese ha dichiarato che è “una riflessione sulla difficoltà nel capire quanto possa essere bella la vita, su quante cose diamo per scontate, su quanto facilmente rischiamo di non renderci conto del valore di ciò che abbiamo”. Di alto livello artistico le interpretazioni di tutti gli attori del cast, che hanno saputo magistralmente dar vita ai peggiori incubi delle nostre esistenze emergenti talvolta come soluzioni estreme di vari problemi, quando la moralità più recondita è in conflitto con i desideri più profondi.

Precedente Per Diane Lane ''Parigi può attendere'': Francia on the road