Colpi di scena e gag infinite, ecco ”Loro chi?”

lorochiLa trama propone inizialmente la storia di David (Edoardo Leo) un giovane impiegato di una grande società, che ha un’unica ambizione: guadagnare la stima del presidente (Ivano Marescotti) dell’azienda in cui lavora per ottenere un aumento di stipendio e la promozione a dirigente. Il destino insidioso è però in agguato: dovrà presentare un brevetto rivoluzionario, ma il casuale incontro con Marcello ( Marco Giallini ), un abile truffatore aiutato da due avvenenti socie (Catrinel Marlon e Lisa Bor), farà fallire questa opportunità lavorativa e cambierà il corso della sua vita. Inizia con un ritmo poco convenzionale, non vuole spiegare molto fin dall’inizio, lascia che la storia fluisca tra le gag e, a mano a mano che avanza, introduce più livelli di lettura. L’impressione però non è mai quella dell’opera complessa ma semmai quella della voglia di divertirsi tramite un ragionato accumulo.
Marco-Giallini-Edoardo-Leo
In Loro chi? c’è una complessità tutta di scrittura che parte dai protagonisti tipici dell’heist movie, il film di truffe (in cui come sempre lo spettatore è l’ultimo truffato), e sempre di più li sfoca per concentrarsi invece sullo sfondo, sul mondo in cui si muovono. La mescolanza di vari generi (commedia, giallo, road movie) è originale nel panorama italiano, e la sequenza del finto inseguimento in macchina è fantastica. Edoardo Leo e Marco Giallini sono indiscutibilmente simpatici e come coppia funzionano alla grande. Soprattutto nella prima parte, un certo umorismo surreale è accattivante e si distingue da quello di molte altre commedie nostrane. Coppia che vince non si cambia.
Leo-Giallini-loro-chi
Dopo Buongiorno papà e Tutta colpa di Freud, Edoardo Leo e Marco Giallini tornano in sala per la 3° volta in 3 anni con Loro Chi?, debutto alla regia di Francesco Micciché e Fabio Bonifacci. Una commedia all’italiana vecchio stampo. David perde tutto: fidanzata, casa e lavoro e per recuperare dovrà imparare l’arte della truffa proprio da colui che l’ha messo nei guai. Una storia che ha i colori e sapori della commedia, i ritmi del giallo e la fantasia di inganni multipli. E dove niente, probabilmente, è come sembra.

I commenti sono chiusi.