Cast ‘rosa’ e il genio di Sofia Coppola: ecco L’Inganno

the-beguiled-copertinaCi troviamo nel pieno della Guerra Civile americana. In una Virginia ormai presa d’assalto dalle truppe Nordiste, solo la magione di Miss Martha sopravvive – a stento – nella campagna rurale. La villa è abitata da poche donne, due istitutrici e cinque alunne, uniche volenterose sopravvissute all’esodo di massa dei sudisti verso territori più pacifici.
inganno-a-890x606
Nonostante gli spari e le esplosioni all’orizzonte, la vita all’interno del collegio scorre senza troppi scossoni, finché un giorno la piccola Amy incontra nel bosco il caporale dell’esercito degli Stati Uniti John McBurney, ferito e in fin di vita. Viene soccorso e condotto al riparo. La sua presenza altera però ben presto tutti i rapporti tra le protagoniste e scatena rivalità che non ci metteranno molto ad emergere. La scelta di dare rifugio all’uomo causa la nascita di rivalità dai risvolti pericolosi, l’emergere di una tensione sessuale e il rischio di infrangere i tabù esistenti nel micro cosmo.
thebeguied
Dopo averlo curato e rifocillato costui resta confinato nella sua camera attraendo però, in vario modo e misura, l’attenzione di tutte. La tensione aumenterà mutando profondamente i rapporti tra loro e l’ospite. L’etichetta sociale viene infranta e gli ultimi residui di formalità ostentata diventano cornice di un thriller psicologico e d’atmosfera. Sofia Coppola, che evidentemente dà il meglio di se in progetti in costume, mette in scena quello che è senza alcun dubbio il suo film più elegante e autoriale, che fa delle inquadrature, della messa in scena sinuosa e ragionata, dei dialoghi asciutti, delle interpretazioni misurate e profonde un’opera d’arte a tutto tondo. La Coppola ha lavorato con un cast al femminile, capeggiato da Nicole Kidman, con Kirsten Dunst e Elle Fanning, e con il solo Colin Farrell a competere con queste fantastiche attrici.
inganno
Il romanzo scritto da Thomas Cullinan è già stato al centro di un adattamento per il grande schermo diretto nel 1971 dal regista Don Siegel, La notte brava del soldato Jonathan, e che aveva come protagonisti Clint Eastwood, Geraldine Paga, Elizabeth Hartman e Jo Ann Harris. La visione del lungometraggio ha particolarmente coinvolto Sofia Coppola che ha quindi deciso di riprendere la storia originale per raccontarla però dalla prospettiva dei personaggi femminili. Quando Sofia Coppola ha annunciato di aver deciso di realizzare il remake de La notte brava del soldato Jonathan e quando, successivamente, se ne sono viste le prime immagini tutto faceva pensare a una nuova incursione creativamente innovativa in un passato storicamente ormai ben definito dal cinema come accadde per Marie Antoinette.

credits to/fonti: cinema.everyeye.it – lettera43.it – sentieriselvaggi.it

Precedente Un appuntamento al parco di Hampstead per Donald (the) 'TrAmp' Successivo Tre grandi vecchi del cinema animano 'Insospettabili Sospetti'