A perfect place to die: ”La Foresta dei Sogni”

forestasogniLa foresta dei sogni è un racconto esoterico dove Arthur Brennan, americano aspirante suicida, si perde nell’immensa foresta giapponese di Aokigahara, presso il monte Fuji. Nella foresta di Aokigahara, ai piedi del monte Fuji, sovente la vita di molti giapponesi trova temine con l’estremo gesto del suicidio.
la_foresta_dei_sogni_
Arthur è reso da Matthew McConaughey, e con l’aspetto stravolto e lo sguardo smarrito, con il suo biglietto di sola andata, è chiaro da subito come stia cercando nella magnificenza della foresta un posto per la propria morte. Quando ha già ingoiato alcune pillole letali incontra un essere umano che vaga smarrito, con i polsi tagliati. È Takumi Nakamura (interpretato da Ken Watanabe) che venuto meno al proposito di darsi la morte, cerca di fuggire dalla foresta e far ritorno alla propria vita. Incapace di abbandonare Takumi, Arthur usa tutte le energie che gli restano per salvarlo.
A un passo dal gesto definitivo, Arthur incrocia il destino di un altro uomo. Ferito e smarrito, Takumi Nakamura è stato dequalificato al lavoro e vuole pagare con la vita il disonore. Poi cambia idea. I polsi incisi ma la volontà ricucita, cerca la via per uscire dalla foresta. Lo accompagnerà Arthur, rimandando il suo dolore e trovando un nuovo domani.
La-foresta-dei-sogni-
Il produttore Ken Kao descrive La foresta dei sogni come un film che parla di come le persone reagiscono al dolore in modi diversi. “Arthur e Takumi hanno sofferto entrambi per una grossa perdita nella loro vita, ed entrambi percorrono un cammino fino a trovare ognuno la propria direzione. Per me questo è l’aspetto più interessante del film, e della vita in generale: come ognuno di noi affronti il dolore”. Non è la prima volta che Gus Van Sant guarda da vicino al lutto e alla morte, temi già adombrati nel romanzo d’esordio, Pink, e in uno dei suoi ultimi film davvero convincenti, Restless. Mai però in chiave apertamente escatologica, quasi malickiana, come in The Sea of Trees, opera con cui si è ripresentato in gara allo scorso Festival di Cannes.

I commenti sono chiusi.