2.22 Il destino è già scritto: un enigma in un loop temporale

222-destino-scrittoIl bel Dylan (Michiel Huisman), controllore di volo presso l’aeroporto JFK, in seguito a una misteriosa turbolenza, rischia di provocare un incidente fra due aerei. Mandato in congedo disciplinare, Dylan nota la sua vita scivolare in una routine formata da tanti piccoli eventi che si ripetono, inesorabili, un giorno dopo l’altro, per culminare quotidianamente alle ore 2:22 alla stazione centrale dei treni. Dylan inizierà a indagare sullo strano schema in cui il fato sembra aver imprigionato la sua vita, scoprendo un collegamento con un giorno di oltre vent’anni prima in cui una coppia di fidanzati venne assassinata proprio alla stazione.
drfgh
Quando s’innamora di Sarah (Teresa Palmer), una bella donna gallerista d’arte la cui vita è minacciata da questi strani eventi, Dylan deve risolvere il mistero delle 2:22 per preservare un amore e una seconda possibilità che attendeva da tempo. Proprio Sarah potrebbe essere la chiave per spezzare la nauseante ripetizione di eventi che scandisce la sua vita, ma non prima di aver indagato e colto i messaggi celati nello schema tracciato dal tempo.
destino-e-gia-scritto-foto-del-film-2
Dylan scoprirà di dover fermare qualcosa di cruciale per riprendersi in mano il controllo sul tempo e la sua stessa esistenza. . 2:22 – Il destino è già scritto si iscrive nel filone del thriller romantico con sfumature soprannaturali, che ripercorre la tradizione dei viaggi nel tempo interrogandosi sui segreti dell’universo, scomodando la fisica quantistica e applicando fantomatiche teorie sulla materia interstellare e sulla velocità della luce. Da Ritorno al futuro passando per Ricomincio da capo fino ai più recenti Questione di tempo e Interstellar il cinema è stato sempre ossessionato dal mistero del tempo, dal suo contrarsi e dilatarsi, dalla sua relatività, dalla possibilità di modificarlo, controllarlo, decifrarlo. REGIA: Paul Currie. ATTORI: Teresa Palmer, Michiel Huisman, Remy Hii, Sam Reid, Simone Kessell, John Waters, Kerry Armstrong, Richard Davies. Durata: 99 minuti.

credits to: cinematografo.it – cineblog.it – movieplayer.it

Precedente L'amara realtà del ghetto in 'Moonlight' Successivo Un'Atomica spia Bionda in missione a Berlino